Bolt – Un Eroe a quattro Zampe

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/07/BoltUnEroea4Zampe.jpg

Bolt è il cane-attore perfetto, per lui non esiste differenza tra set e vita, tra realtà e finzione, Bolt è davvero convinto di essere un supercane frutto di un esperimento scientifico come il personaggio che interpreta.La sua missione nella serie tv, e quindi nella vita, è molto simile a quella di qualsiasi cane: difendere il padrone, che nel caso specifico è una bambina.
Dopo averlo fatto in molteplici ciak però il caso porterà Bolt fuori dalla campana di vetro dei grandi studios, nel mondo reale dove i suoi cinematografici superpoteri non funzionano, alla disperata ricerca della padrona.
Sballottato dall’altra parte degli Stati Uniti dovrà compiere un prodigioso (nonché istruttivo) ritorno a casa come già un’altra star canina del cinema fece decenni prima.
Dopo Chicken Little la Disney torna a fare un cartone in computer grafica seguendo il percorso (tecnico) segnato da Pixar e Dreamworks ma mantenendosi sui binari (di contenuto) che storicamente gli appartengono.
Così Bolt è un film della Disney nel senso più classico, un cartone in CG che rinnega tutta l’innovatività portata nell’animazione e rifiuta un contenuto che sia in grado di soddisfare anche un pubblico più adulto grazie a più livelli di lettura come quello della Pixar o grazie ad un umorismo irriverente e demenziale come quello della Dreamworks.
La differenza si sente in un film che semplifica tutto, specialmente i personaggi. Come recitano le regole d’oro della Disney gli animali antropomorfizzati hanno un carattere che deriva dall’impressione che abbiamo dell’atteggiamento della loro specie o razza e non una personalità propria, sono davvero stereotipi e mai personaggi veri. Se si trattasse di esseri umani si griderebbe al razzismo.
Quello di Bolt quindi è davvero il buon vecchio mondo Disney, quello davanti al quale i bambini ridono solleticati nella maniera più immediata e gli adulti che li accompagnano sorridono lieti dei simpatici e rassicuranti contenuti acquietati che i loro pargoli ricevono.
C’è una canzone (cantata in italiano nell’edizione italiana) c’è una parabola morale molto semplice e usurata e dinamiche affettive che più basilari ed empatiche non si può (l’amore tra padrone e cane). Ci si chiede tuttavia quanto il piccolo mondo antico Disney, che ha saputo squassare il cinema fino agli anni ’70 e che si è stancamente ripetuto con risultati altalenanti di lì in poi, possa oggi soddisfare i “nativi-Pixar”, cioè quei bambini cresciuti con prodotti animati che li hanno trattati e continuano a trattarli con più rispetto… Fonte Trama

4 risposte a “Bolt – Un Eroe a quattro Zampe”

  1. opplasasa ha detto:

    hmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

  2. opplasasa ha detto:

    🙂

  3. opplasasa ha detto:

    :):):):):):):):):):);):):):)

  4. opplasasa ha detto:

    hmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm bellllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllissimooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo:):):):):):):);):):):):):)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *