Fondali notturni

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2014/04/Fondali-notturni.jpg

Suggestione di Napoli. Una sorta di esperimento, un mix fra teatro e cinema che vive grazie alle possibilità offerte da una certa cultura napoletana: il popolo, le canzoni, “quelle” storie. Massimo Ranieri è il venditore di sigarette, non certo comprate “ufficialmente”, Ida di Benedetto gestisce l’edicola. La mattina si trovano a lavorare vicini. Parlano di tutto, sono tristi e contenti, fanno polemica. Dalle finestre della piazza arrivano voci e musiche che fanno parte dello strepitosa leggenda dello spettacolo partenopeo: le note di Carosello napoletano, le battute di Napoli milionaria. Il tempo attraversa tutto come se nulla fosse, la città è sempre la città, la vita è sempre quella. Su una piattaforma traballante un gruppo di artisti cerca di mettere insieme una pièce. Napoli tutto consente, fuori dall’ordine e dalla convenzione, dentro una poesia continua, essenza e sortilegio di sopravvivenza. Doverosamente sfilacciato. Ottimi i protagonisti. Fonte Trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *