I ragazzi della mia vita

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/08/imm-721.jpg

1965: Beverly, impertinente e spiritosa adolescente, sogna di trasferirsi dal Connecticut a New York per diventare una scrittrice. Il talento e le capacità non le mancano, e i suoi insegnanti vorrebbero che frequentasse l’università. Lei invece trova sulla sua strada Ray, un diciottenne dal carattere difficile che è stato costretto a interrompere gli studi: fra i due scoppia la passione e Beverly rimane incinta. Il problema è come confessare ai genitori l’imprevista gravidanza… Bev è un personaggio femminile vitale e sconclusionato e Drew Barrymore, al più importante tour de force anagrafico della sua carriera, non riesce a dominarlo. La sceneggiatura è disordinata e la regista Penny Marshall si conferma modesta. Ci sono momenti buoni, ma l’organizzazione dell’insieme non funziona. Il doppio registro del pathos e dell’umorismo collabora a tenere lo spettatore fuori testo tra vicenda privata, ispirata a fatti reali, e citazione di brandelli di un’epoca. Fonte trama