Le verità nascoste

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/08/imm-325.jpg

Sposata a un genetista, l’ex concertista Claire sente inquietanti presenze nella villa isolata su un lago del New England dove da poco abita. Il marito cerca di tranquillizzarla, ma dal suo passato emerge qualcosa di tenebroso. Epilogo tremendissimo. Se non fosse per l’ultima mezz’ora, affidata con svergognata premeditazione agli effetti truculenti di moda, con il malvagio che non si decide mai a morire, sarebbe un apprezzabile thriller all’insegna di Hitchcock, nella sua raffinata partitura di rumori, silenzi, pause, materiale plastico. La sceneggiatura di Clark Gregg si permette il lusso di portare a lungo il racconto su una falsa pista senza diminuirne la tensione. Funzionale fotografia di Don Burgess, efficaci stacchi orchestrali di Alan Silvestri, un’ottima Pfeiffer. Fonte trama