L’ottavo giorno

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/07/8032700992967.jpg

Uomo d’affari che al lavoro e al successo ha sacrificato gli affetti e sé stesso, Harry conosce il mongoloide Georges, uomo libero cui nulla può impedire di essere buono e generoso. È il secondo, l’emarginato, che aiuta il primo, l’integrato, a cambiare e a liberarsi. Mentre Toto le héros (1991), il precedente e premiatissimo film del belga Dormael, era sostenuto da “Boum”, celebre canzone di C. Trenet, qui si propone un cavallo di battaglia di Luis Mariano, idolo francese degli anni ’50, con un motivo che fu popolare anche in Italia: “Tu sei per me la più bella del mondo”. Fonte Trama

2 risposte a “L’ottavo giorno”

  1. Francesco Troia ha detto:

    è bellissimo questo film ,anche se Georges viene definito il mongoloide invece nel film si può vedere che fa cose che per quelli come lui saebbero impossibili ma lui ci riesce e infatti la frase che dice l’avvocato a Georges è:.

  2. nicolai ha detto:

    questo film è bellissimo di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *