http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/08/imm-242.jpg

La storia vera di Aileen Wuornos, una prostituta condannata a morte per sei omicidi e giustiziata in Florida nel 2002. La donna, si dichiarò colpevole, appellandosi però alla legittima difesa. I media americani la definirono “il primo serial killer donna” e la etichettarono come “mostro”.
Premessa: Charlize Theron merita, a meno di soprese clamorose, il premio quale migliore attrice della Berlinale. Perchè la sua è senz’altro una performance fisica che le deve essere costata non poco anche sul piano psicologico ma è soprattutto un esercizio acrobatico senza rete. Perché sarebbe bastato un nulla a lei, alla regista esordiente Patty Jenkins e alla co-star Christina Ricci per trasformare le vicende reali di questa coppia lesbica parzialmente on the road nelle gesta di due novelle Thelma e Louise del crimine. La materia era scottante, il rischio di giustificare una serie di omicidi grazie ai traumi subiti dall’assassina forte. Ma, fortunatamente, il film mantiene una grande lucidità cercando di capire, offrendo un’umana pietas ma non mitizzando. Fonte trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *