Radiofreccia

http://altadefinizione.bid/wp-content/uploads/2013/09/imm-1161.jpg

Davanti al microfono, Bruno informa gli ascoltatori che quello è l’ultimo giorno delle trasmissioni di RadioFreccia. Siamo nel 1993, la radio chiude dopo diciotto anni di attività, e Bruno vuole spiegare perché ha preso quel nome. Torna allora indietro con la memoria al 1975, quando nella piccola provincia, in quella zona incerta tra città e campagna, bastava un trasmettitore da 5 watt per aprire una radio libera. Così il giovane Bruno, nella soffitta di casa, apre Radio Raptus, cioè un microfono, i dischi e la sua voce dentro. Bruno si porta dietro gli amici Tito, Iena, Boris e la radio diventa la loro seconda casa (la prima è il bar del paese). Al punto che quando un altro amico, Freccia, litiga con l’amante della madre e lascia il proprio appartamento, finisce con trasferirsi proprio nella soffitta di Bruno. Fonte trama