Welcome to Collinwood

http://altadefinizione.onl/wp-content/uploads/2014/04/Welcome-to-Collinwood.jpg

Cosimo è un ladruncolo che sta progettando un colpo grosso. Per riuscire, però, ha bisogno di un capro espiatorio. Cosimo si trova in prigione e quindi sarà compito di Rosalind, la sua ragazza, trovare il pollo da spennare. Ennesimo remake de “I soliti ignoti” ad opera della premiata ditta Clooney-Soderbergh. Trapiantata a Collinwood, la commedia all’italiana perde le sue radici e il suo umor tipico. I personaggi sono macchiette, marionette che recitano fuori dal loro teatro naturale. Intrepretando alla lettera il film di Monicelli, i registi Anthony e Joe Russo perdono la caratterizzazione di ambienti e personaggi e realizzano un film comico, infarcito di un humor demenziale che stona agli occhi dello spettatore che ha avuto la fortuna di vedere l’opera originale, forse ne svaluta l’interesse per chi scopre “I soliti ignoti” attraverso questo quasi-remake. L’idea di dare a Clooney il ruolo che fu di Gassman si spreca, qui, in un cameo acchiappafan, ma lo spunto non è sacrilego, forse grazie quella traccia di disincanto che fu un tratto “somatico” del grande attore italiano e che, a tratti, si legge anche sulla faccia del bel George. Fonte trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *